Sei ancora in tempo!

Richiedi assistenza ai professionisti del settore

Obbiettivo risarcimento

Risarcimento_alloro

PIÙ DI 500 UTENTI AL MESE TROVANO IL GIUSTO RISARCIMENTO

Risarcimento incidenti stradali

Incidenti stradali

Sei vittima di un incidente stradale?
Clicca qui!

Hai fino a 5 anni per essere risarcito!

Risarcimento malasanità

Malasanità

Sei vittima di un errore medico?
Clicca qui!

Hai 10 anni per essere risarcito!

Risarcimento infortuni sul lavoro

Infortuni sul lavoro

Sei vittima di un infortunio sul lavoro?
Clicca qui!

Hai 3 anni per essere risarcito!

Risarcimento rivalsa datore di lavoro

Rivalsa datore di lavoro

Un tuo dipendente è rimasto vittima di incidente stradale?
Clicca qui!

Hai 2 anni per essere risarcito!

Abruzzo. Non bastava il terremoto, anche la malasanità!

La sanità in Abruzzo sembra aver causato vittime quanto il terremoto che ha distrutto l'Aquila.
I casi di malfunzionamento delle strutture ospedaliere della regione sono all'ordine del giorno. Malasanità a Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo

La lista va da chi attende per ore una visita al pronto soccorso, a chi rinuncia a prenotare le visite nelle strutture convenzionate perchè i tempi di attesa sono infiniti anche per una semplice visita dall'otorino.
La speranza poi è di non dover subire un intervento chirurgico il quale preoccupa ancora di più di una malattia visto che le probabilità di incorrere in ulteriori problemi è molto alta.

Sono sempre di più casi di persone che chiedono di essere risarcite per i danni causati dalle strutture ospedaliere abruzzesi. Una donna morta poco dopo il terremoto di L’Aquila era malata da tempo di epatite c contratta a causa di una trasfusione sbagliata nel 1981; i familiari hanno ottenuto il giusto risarcimento di un milione di euro. Un'altro caso ormai risalente a vent'anni fa è quello di una famiglia che ha chiesto un risarcimento per la disabilità della figlia, causata da un errore dei medici durante la nascita.

Richiedi gratuitamente assistenza medico-legale per malasanità nelle province di Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo

La causa delle morti non è sempre direttamente riconducibile ai medici; molti casi sono dovuti ad errori che possiamo definire banali e sicuramente prevenibili: disservizi, inadeguatezza degli spazi, del personale. Ci si chiede com'è possibile dato che la spesa pubblica nel decennio 1995-2005 è aumentata notevolmente. In questo periodo però la colpa è data ai tagli alle spese, ma in realtà la situazione era già critica da tempo.

Molti medici dichiarano di adottare la "medicina difensiva" ossia la prescrizione di farmaci ed esami non necessariamente indispensabili; lo fanno per difendersi dalle possibili accuse ma questo dimostra l'inadeguatezza e la mancanza di responsabilità del personale medico.

Una delle situazioni di peggior disagio si riscontra nell'ambito della terza età. Mancano le strutture adeguate e le famiglie non ricevono il necessario sostegno medico per accudire i famigliari anziani nella propria abitazione. Risulta praticamente impossibile addirittura ottenere un deambulatore o una sedia a rotelle perchè la burocrazia diventa un ostacolo impossibile da superare. Le persone sono costrette sempre di più ad evitare le strutture sanitarie pubbliche rivolgendosi agli istituti privati, e quindi pagando molto di più per le spese mediche.
Ci si domanda se è giusto quindi pagare delle tasse per un servizio che effettivamente non c'è, anzi che ha causato molti danni e che ricorda immancabilmente la situazione dei terremotati.

Richiedi gratuitamente assistenza medico-legale per malasanità nelle province di Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo